storia e arte, 4 territori da scoprire.

In Piemonte e Liguria potrete immergervi in una eccezionale varietà di forme, linguaggi e stili che possono descrivere innumerevoli percorsi culturali.

Torino capitale, il barocco piemontese e i Savoia.

Negli anni il Piemonte e il suo capoluogo Torino si sono affermati come centro culturale europeo e internazionale, non solo industriale.

Arte, cultura e eventi affiancati dalle montagne delle Olimpiadi Invernali 2006.

In Piemonte nel 1800 nasce l’Italia con Torino capitale e tra il 1500 e 1700 si afferma il Barocco piemontese.

Il Piemonte sarà la residenza ove la famiglia reale dei Savoia risiederà stabilmente sino al dopoguerra.

Palazzo Reale, il Museo Egizio, il Santuario della Consolata, il Teatro Regio. Dalla reggia di Venaria Reale agli innumerevoli castelli e fortezze, alla galleria di arte moderna (GAM) e il Museo di Arte Contemporanea di Rivoli.

Il TFF ( Torino Film Festival), il Salone del Libro, Settembre Musica sono solo un accenno degli eventi che affiancano l’incredibile patrimonio storico e artistico piemontese.   

Genova, Repubblica marinara e i suoi musei.

Città ricca d’arte e cultura con i suoi bellissimi musei e un repertorio artistico straordinario. Dai Musei di Nervi, al lusso e lo sfarzo di Van Dick e del Grechetto, ai musei di Strada Nuova, un percorso nell’arte dei palazzi storici di via Garibaldi trasformati in musei.

I musei del Porto Antico affacciati sul mare, oppure un viaggio nelle Genova di Cristoforo Colombo, la sua casa, le mura medievali e le torri di porta Soprana, la Lanterna e Sant’Agostino.

Inoltre tanti eventi legati al mare all’Acquario di Genova, Il Salone Nautico Internazionale, le Vele d’Epoca a Imperia.

Langhe, Roero e Monferrato, vino ed enogastronomia stellata.

Patrimonio UNESCO dal 2014, Alba, Bra, Asti sono le cittadine più grandi, ma Barolo, Barbaresco, Bossolasco, Arguello sono solo alcuni nomi dei villaggi storici di queste aree.

Si sviluppano lungo morbide colline coperte da vigneti a perdita d’occhio, inframmezzati da borghi e villaggi di altura, da imponenti castelli medievali e ville coloniche, dove viticoltura e enogastronomia costituiscono il fulcro della vita economica e sociale. L’Eccezionale Valore Universale per queste aree è rappresentato dalla radicata cultura del vino e del cibo e dalle straordinarie colline modellate dal lavoro dell’uomo per la coltivazione della vite e la produzione dei famosi crus come il Barolo e il Barbaresco.

Il Parco Nazionale delle Le 5 Terre, natura incontaminata.

E’ un tratto frastagliato di costa della riviera ligure di levante nella provincia di La Spezia nel quale si possono trovare cinque magnifici borghi o, “terre” come si diceva un tempo: Monterosso, Vernazza, Corniglia, Manarola, Riomaggiore, dal 1997 dichiarati Patrimoni dell’umanità dell’ UNESCO. Per aiutare a spiegare la bellezza di questi luoghi utilizziamo parte delle motivazioni dal sito UNESCO:

“La riviera ligure orientale delle Cinque Terre è un paesaggio culturale di valore eccezionale che rappresenta l’armoniosa interazione stabilitasi tra l’uomo e la natura per realizzare un paesaggio di qualità eccezionale, che manifesta un modo di vita tradizionale millenario e che continua a giocare un ruolo socioeconomico di primo piano nella vita della società”. Grazie alle caratteristiche geografiche ed antropiche del territorio dove sorgono, le Cinque Terre sono considerate una delle più suggestive attrattive costiere italiane, per il loro contesto orografico collinare naturalmente aspro e accidentato, addolcito dalla costruzione di terrazzamenti o fasce per la coltura, che cala verso il mare con forti pendenze; nei punti in cui il mare si insinua serpentinamente nella terra sorgono i borghi, snodati a seguire la naturale forma delle colline.”

“ Piemonte e Liguria, un viaggio nell’ arte, nella  storia, nella natura ”